Nuovo Trattamento Laser Macchie e Iperpigmentazioni

Rimozione laser delle macchie della pelle. 

Quasi tutti hanno una o più macchie sulla pelle. Lentiggini, macchie d’età, macchie di fegato, e svariate voglie sono solo alcuni dei marchi della pelle comunemente conosciuti, più in generale chiamate lesioni pigmentate. La maggior parte delle macchie marroni non sono pericolose, molte possono essere evidenti e numerose, e possono essere sottrarre la naturale bellezza alla pelle. La melanina è la sostanza che dà il colore alla pelle. Le persone hanno vari gradi di concentrazione melaninica a seconda che hanno un colore chiaro o scuro. Le lesioni pigmentate sono di un colore scuro semplicemente perché la melanina è perfettamente concentrata in una ristretta area di pelle. Alte concentrazioni di melanina possono essere dovute a vari fattori. Alcune volte compaiono alla nascita, ma la maggior parte è il risultato di una sovraesposizione ai raggi solari. Le lesioni pigmentate possono essere efficacemente rimosse con una moderna tecnologia laser. Il laser rimuove le lesioni pigmentate con l’energia della luce. Un laser è concepito per produrre una o più lunghezze d’onda specifiche, che a loro volta sono assorbite dal pigmento. Le lesioni pigmentate sono rimosse quando il raggio laser che passa attraverso la cute viene assorbito da concentrazioni anomale di melanina. Il rapido assorbimento di energia luminosa da parte della melanina determina la distruzione della lesione bersagliata lasciando intatta la cute sopra e circostante, sia nel colore che nella trama. Il Laser RevLite SI è oggi uno dei laser più sicuri per rimuovere le lesioni pigmentate. Il Laser Revlite SI fornisce una lunghezza d’onda appropriata per essere assorbita da anomale concentrazioni di pigmento liberando la luce in impulsi estremamente brevi, ad altissima intensità così da determinare la massima distruzione della lesione. L’utilizzo di questa combinazione di lunghezza selettiva e luce rapida pulsata non provoca alcun danno alla cute normale e determina la massima rimozione di lesioni pigmentate. 

Quali tipi di macchie marroni o di iperpigmentazioni si rimuovono con il laser RevLite SI ?
Il RevLite SI è il sistema laser più efficace per rimuovere macchie di età, macchie di fegato, lentiggini e molte voglie marroni. Però solo una visita clinica può controllare di capire se la lesione è trattabile con il laser e le percentuali di successo. 

Perché il RevLite SI non rimuove anche il mio colore naturale di pelle?
Il raggio laser del RevLite SI è stato studiato appositamente per avere la capacità di colpire le concentrazioni di melanina. Se dopo l’eliminazione delle concentrazioni anomale di pigmento, si prosegue il trattamento sulla pelle ormai sana, ne potrebbe derivare qualche sbiancamento. Comunque, il naturale sistema rigenerativo cutaneo rimpiazzerà la melanina normale dopo un certo tempo, riportando la cute al suo stato naturale. 

La seduta è dolorosa?
Il laser Revlite SI emette una luce flash molto breve, che viene chiamato impulso. L’impatto di energia proveniente dal potente impulso di luce è simile al colpo di un sottile elastico sulla cute. Dopo il trattamento, la zona trattata mostrerà un arrossamento simile e un eritema solare, ma, dopo un giorno o due, qualsiasi fastidio scompare. Un breve arrossamento può permanere per 2-4 settimane, ma quando questo scompare, la pelle riacquista il suo colore naturale e tessitura. 

Quante sedute occorreranno per eliminare le macchie?
Almeno l’80% di tutte le lesioni pigmentate sono rimosse con un unico trattamento. Se la lesione copre una vasta area, il medico riterrà opportuno trattare la zona in diversi sedute per evitare inutili fastidi. 

Può tornare l’eccessiva pigmentazione?
Le lesioni pigmentarie non ritornano. Talune voglie può tornare dopo 10-12 mesi, ma questo non toglie che si può procedere con una nuova seduta. 

Che tipo di trattamento è necessario dopo la seduta?
Una pomata antibiotica verrà inizialmente applicata sulla zona trattata. Una doccia potrà effettuarsi il giorno seguente, tuttavia però di sfregare la zona. Dato che la maggior parte delle iperpigmentazioni sono causate dall’esposizione ai raggi UV è imperativo controllare gli schermi solari, infatti una nuova esposizione solare sulla parte trattata potrebbe determinare la ricomparsa della lesione pigmentaria.

 

 

p> </ p