NEWS

Xtrac contro la psoriasi

Sistema laser ad Eccimeri: nuovo e rivoluzionario

Alcune malattie della pelle hanno un’origine antica e accompagnano l'uomo nel corso della storia. Una patologia cutanea che ha queste caratteristiche è sicuramente la psoriasi, una diffusa malattia menzionata anche nella Bibbia ed il cui termine "psora" (parola greca che significa squama), compare per la prima volta negli scritti di Ippocrate nella seconda metà del V secolo a.C. Si trat-ta di un disturbo che affligge milioni di persone nel mondo e che, essendo ben visibile, finisce per condizionare psicologicamente chi ne è affetto rappresentando un problema non solo medico ma an-che estetico e sociale, di vaste dimensioni. In questa puntata e nella prossima affronteremo un tema di grande interesse come la psoriasi, presentando il più recente ed efficace trattamento non farmacologico adesso disponibile, una vera e propria rivoluzione nella terapia di questa invalidante affezione cutanea: il Laser ad Eccimeri. La psoriasi è una delle malattie cutanee più frequenti ed interes-sa circa il 5% della popolazione mondiale (oltre 2 milioni di ma-lati in Italia). Può comparire ad ogni età ma spesso insorge tra i 20 e i 30 anni ed interessa in ugual misura uomini e donne. È una malattia ad andamento cronico-recidivante, cioè chi ne è colpito può sviluppare la patologia per tutta la durata della vita. Spesso si osservano periodi di scomparsa delle lesioni alternati a riacu-tizzazioni, con andamento molto variabile fra una persona e l'al-tra. Infatti alcuni soggetti possono avere solo uno o due episodi di malattia durante la vita, mentre in altri casi la psoriasi ha un andamento quasi continuo e può interessare estese zone del cor-po. Le cause sono molteplici e non del tutto conosciute anche se certamente esiste una predisposizione genetica (cioè si eredita la tendenza a sviluppare la malattia). Clinicamente si caratterizza per la comparsa di chiazze rosse coperte da squame bianche, lucen-ti, sovrapposte in più strati, che si distaccano in piccoli fram-menti se la chiazza viene grattata. Le lesioni sono solitamente rotonde e/o ovali ma anche con contorni irregolari e di dimensioni comprese fra pochi millimetri e parecchi centimetri. Tutte le par-ti del corpo possono essere colpite dalla psoriasi però le zone interessate più di frequente sono: i gomiti, le ginocchia, la par-te bassa del dorso, il cuoio capelluto, la regione palmare, plan-tare e le unghie. La pelle colpita da questa affezione cutanea non dà alcuna sintomatologia e solo in alcuni casi, soprattutto nelle persone più ansiose, è presente del prurito. Generalmente la pso-riasi non rappresenta una malattia grave ad eccezione di alcune rare forme cliniche (psoriasi eritrodermica, psoriasi pustolosa) che possono creare importanti problemi. Il decorso della malattia è influenzato da molti fattori come ad esempio quelli climatici; infatti molte persone osservano un miglioramento spontaneo durante l'estate ed un peggioramento invernale. Talora anche una tonsilli-te può scatenare la comparsa o causare il peggioramento del quadro clinico così come frequentemente la malattia si sviluppa nei punti sottoposti a traumi (una piccola ferita, un graffio, una contusio-ne). È importante sapere che alcuni farmaci possono avere fra i loro effetti collaterali quello di scatenare o peggiorare la psoriasi come ad esempio i betabloccanti usati nella terapia dell'iperten-sione od i sali di litio presenti in alcuni farmaci antidepressi-vi. Anche il consumo eccessivo di alcolici, il fumo e le diete er-rate (con aumenti o diminuzioni repentine di peso), possono scate-nare e/o aggravare questa patologia. Un altro fattore che influen-za il decorso della malattia è certamente quello emotivo; infatti avendo un decorso cronico e localizzandosi in zone visibili la psoriasi rappresenta un problema medico ma anche estetico, di grande importanza e difficile gestione. Spesso la presenza della malattia finisce per creare uno stato di tensione responsabile dell'automantenimento e/o del peggioramento del quadro clinico. Le metodiche fin qui impiegate per trattare questa patologia dalle creme a base di cortisone, catrame vegetale e calcipotriolo a quelle contenenti cheratolitici o tazarotene, dalla fototerapia con raggi UvA e UvB alle terapie sistemiche a base di ciclosporina A, metrotrexate e retinoidi, hanno dato risultati alterni. Infatti a fronte di una dimostrata efficacia queste terapie sono spesso impegnative, richiedendo lunghi tempi di esecuzione (applicazione quotidiana di creme per mesi, 60-80 sedute di fototerapia eseguite due-tre volte la settimana, esami ematici da fare ogni 20 giorni in corso di terapie sistemiche, etc) ed possono causare importanti effetti collaterali (atrofia cutanea, epatopatie, nefropatie, i-pertensione, cancerogenesi). È poi importante sottolineare come queste cure, che spesso devono essere fatte per lungo tempo, finiscono per avere un costo alto sia per il paziente sia per la collettività. Infatti un recente studio ha raccolto informazioni relative a 8000 pazienti psoriasi-ci, evidenziando come ogni malato spenda in media circa 600 euro l’anno (1 milione e 200 mila delle vecchie lire) in farmaci, men-tre il Sistema Sanitario Nazionale, tenendo conto anche dei rico-veri, spende per ogni malato psoriasico circa 900 euro. Si calcola così che la spesa complessiva annua per ogni paziente psoriasico sia di 1500 euro (3 milioni delle vecchie lire); questo sorpren-dente dato sottolinea l'importanza economica e sociale della ma-lattia. La terapia ideale della psoriasi dovrebbe allora garantire efficacia, rapida e duratura regressione delle lesioni, facile e veloce esecuzione, azione mirata sulle chiazze senza coinvolgimen-to della cute sana e/o di organi interni, sicurezza, assenza di dolore e costi contenuti. La continua evoluzione culturale e tecnologica del Laser in medi-cina ha consentito di venire incontro a queste esigenze terapeuti-che, grazie all'avvento di un nuovo e rivoluzionario sistema La-ser: i Laser ad Eccimeri. È stato infatti ideato e costruito il primo Laser ad Eccimeri di uso dermatologico. Si chiama Xtrac (E-xcimer Technology for the Affected Cells), viene prodotto negli Stati Uniti dalla Photomedex ed è il primo ed unico sistema laser approvato dalla Food and Drugs Administration per il trattamento della Psoriasi. Xtrac è simile ai sistemi laser usati in oculisti-ca per la correzione della vista, ma a differenza di essi emette la particolare lunghezza d'onda di 308 nm che è la banda UvB idea-le, per elevata efficacia e sicurezza, per il trattamento di que-sta malattia. Si tratta di una tecnologia molto avanzata e decisa-mente superiore ad altri strumenti, poiché è il solo apparecchio oggi disponibile per la cura della psoriasi, che sfrutta le pro-prietà fisiche e l'efficacia del Laser. Questo strumento produce una lunghezza d'onda di 308 nm che viene rilasciata sottoforma di impulsi di brevissima durata ed altissima intensità, attraverso un particolare manipolo che consente di agire solo sulle lesioni. La particolare tecnologia del laser ad eccimeri permette di rilascia-re in pochi secondi l'energia necessaria a correggere le altera-zioni biologiche e cellulari che sono alla base della malattia; questo consente una rapida e duratura regressione delle chiazze psoriasiche dopo alcune sedute di pochi secondi, senza bisogno di applicare creme, assumere farmaci e senza coinvolgere la cute sana circostante le lesioni. Nella maggioranza dei casi si ottiene una scomparsa completa delle placche psoriasiche dopo una media di so-le 8-10 sedute distanziate fra loro di tre giorni; l'intera tera-pia si svolge perciò nell'arco di appena 4-5 settimane. General-mente a distanza di 3-4 mesi dall'ultima seduta la psoriasi è an-cora assente mentre in numerosi casi il benessere dura per più di 1 anno. Allora se siete affetti da psoriasi e siete stanchi di e-seguire lunghe e frustranti terapie a base di creme o unguenti non vi demoralizzate, perché la continua evoluzione tecnologica mette ora a disposizione del dermatologo il Laser ad Eccimeri, che è de-stinato a rivoluzionare l'approccio terapeutico a questa invali-dante patologia cutanea. Nella prossima puntata descriveremo in modo dettagliato il funzio-namento e le principali applicazioni cliniche del Laser ad Eccime-ri Xtrac, presentando i numerosi vantaggi e gli eccellenti risul-tati che la laser fototerapia mette oggi a disposizione del malato psoriasico.  

Post recenti
download
file
Amici per la pelle Gennaio 2005.pdf